giovedì 27 febbraio 2014

BIOLOGIA ED ETOLOGIA DELLA GUERRA A TORINO

Gli studenti della Scuola di Studi Superiori dell’Università di Torino ricordano Ferdinando Rossi

Mercoledì 5 marzo, alle 17.30 (Sala dei Mappamondi, via Accademia delle Scienze 6) è in programma la sesta conferenza de I Mercoledì dell'Accademia: gli studenti della Scuola di Studi Superiori dell’Università di Torino del professor Ferdinando Rossi - vice Presidente SSST e vice Rettore per la Ricerca, prematuramente scomparso lo scorso 24 gennaio - lo ricorderanno illustrando il tema "Biologia ed etologia della guerra". Un attestato di stima e affetto degli studenti della SSST, la Scuola fondata e diretta da Rossi con la convinzione che una formazione interdisciplinare sia necessaria per affrontare e risolvere i grandi problemi globali del futuro.

I quattro giovani relatori – studenti di filosofia, medicina, psicologia e giurisprudenza - ben rappresentano lo spirito che anima la Scuola, che promuove proprio l’integrazione tra scienze umane e naturali, saperi tradizionalmente separati, ma che insieme forniscono gli strumenti necessari per capire le trasformazioni del mondo contemporaneo.

Si alterneranno nel condurre la conferenza (da sinistra nella foto in allegato): Virginia Ghiara (IV anno SSST - Magistrale in Filosofia), Caterina Lux (III anno SSST - Medicina e Chirurgia al San Luigi Gonzaga), Stefano Moia (III anno SSST - Scienze e Tecniche Psicologiche) e Tullia Penna (V anno SSST - Magistrale ciclo unico Giurisprudenza).


Nonostante la diffusione e l'importanza dell'aggressività nel regno animale, la guerra è un fenomeno esclusivamente umano. Si potrebbe quindi pensare che la guerra è un puro prodotto, o effetto collaterale, dell'evoluzione culturale.

Tuttavia, la fenomenologia della guerra, e della violenza che porta con sé, è chiaramente legata alle manifestazioni dell'aggressività biologica. E allora ci si può chiedere: qual è la relazione fra l'aggressività del regno animale e la comparsa della guerra come fenomeno umano e storico? Il Mercoledì dell'Accademia sarà dedicato a rispondere a questa domanda e a discutere alcune teorie che spiegano come la guerra sia nata dalla trasformazione di altre forme di aggressività naturale e controllata, necessarie per il corretto funzionamento del meccanismo evoluzionistico. Si vedrà quindi come la stessa guerra è emersa, pur nella sua perversione, come uno dei meccanismi di selezione naturale.


Ufficio stampa SSST:  magnanibarbara@gmail.com

Nessun commento:

Posta un commento